Skip to main content

Autore: Luana Stinziani

Come superare l’esame teoria patente B:

L’esame teoria patente b è sicuramente lo step che spaventa di più, ce lo dicono i dati, ma anche i tanti allievi della nostra autoscuola, che tra pratica e teoria, sceglierebbero mille volte la pratica!

Nell’affrontare l’esame di teoria per la patente B, la preparazione è fondamentale.
Vivi a Roma nord e sei alla ricerca di un’autoscuola affidabile e professionale per ottenere la patente B? Gruppo Chioccia è la risposta alle tue domande, con tre sedi strategiche nel cuore di Roma nord, organizza corsi di preparazione all’esame di teoria per la patente che rendono il percorso di apprendimento fluido e privo di complicazioni.

Grazie a un approccio didattico collaudato, gli allievi di Gruppo Chioccia affrontano l’esame con sicurezza, avendo acquisito tutte le competenze necessarie per superarlo brillantemente.

Ecco, per dire, una delle recensioni dei nostri clienti, le trovi tutte sul Google Business profile: “Ottima esperienza, personale disponibile e efficace”.

Ma continuiamo con la teoria della patente B.

Come funziona l’esame teoria patente B

L’esame di teoria per la patente B è il primo passo verso l’ottenimento della licenza di guida.

Durante questo esame, ai candidati viene proposto un test informatizzato: 30 quiz su un pc con schermo touchscreen, il candidato deve selezionare la risposta corretta con V o F; ha a disposizione 20 minuti ed è possibile commettere al max 3 errori.

Quali sono gli argomenti dei quiz patente B?

I quiz riguardano diversi argomenti, si va dalla segnaletica stradale ai limiti di velocità, alla distanza di sicurezza, ma per essere più precisi, di seguito ecco gli argomenti sui quali ci concentreremo a lezione in aula e sui quali vertono le domande:

  • Segnaletica
  • Precedenze
  • Limiti di velocità e distanza di sicurezza
  • Importanza dello stato psicofisico del conducente
  • Rischi legati alle diverse condizioni della strada
  • Caratteristiche delle strade
  • Comportamento nei confronti di bambini, pedoni, ciclisti e persone con mobilità ridotta
  • Guida di diversi tipi di veicolo e campo visivo del conducente
  • Documenti di circolazione
  • Comportamento in caso di incidente e primo soccorso
  • Manutenzione del veicolo e riduzione dei consumi
  • Cinture di sicurezza, poggiatesta e seggiolini
  • Casco e abbigliamento per motociclisti
  • Regole di autostrade e strade extraurbane principali
  • Responsabilità civile, penale, amministrativa e assicurazione RCA
  • Categorie di patente e sanzioni
  • Traino dei rimorchi

L’esame è il medesimo a quello delle patenti A1, A2, A e B1, infatti, se hai una di queste patenti e vuoi conseguire la B, non devi rifare la teoria.

Come funzionano le tempistiche e dopo quanto tempo posso ripetere l’esame in caso di bocciatura?

Dal momento dell’iscrizione hai 6 mesi di tempo per superare l’esame di teoria, con due tentativi a disposizione. Puoi tranquillamente scegliere la prima data disponibile.
In caso di bocciatura, tra l’esame e l’altro devono passare almeno 30 giorni.
Vieni bocciato una seconda volta? Devi rifare l’iscrizione, così come se lasci passare i 6 mesi.

Insomma, superare l’esame di teoria è fondamentale per passare alla parte pratica.

Gruppo Chioccia si distingue per la sua metodologia didattica, che comprende lezioni interattive, materiali didattici aggiornati e simulazioni d’esame, permettendo agli allievi di familiarizzare con la struttura del test e di ridurre l’ansia da esame.
Studiare con Gruppo Chioccia significa ricevere una formazione completa e dettagliata, che prepara l’allievo a rispondere correttamente e con sicurezza.

Certo, non facciamo i miracoli, per superare l’esame di teoria di patente B devi studiare, frequentare le lezioni in aula ed essere motivato: la tua autonomia alla guida non è un miraggio, è più vicina di quello che pensi!

Devi ottenere la patente B? Passa in una delle nostre sedi per avere tutte le informazioni.

Guida sicura: quanto è “sicura” la guida dei neopatentati?

La sicurezza stradale è un tema di importanza vitale che coinvolge ogni utente della strada, a maggior ragione chi ha ottenuto la patente da meno di tre anni.
Ogni anno, migliaia di incidenti si verificano a causa di errori umani, distrazioni o mancanza di conoscenze fondamentali sulle regole del traffico.

Per capire più a fondo quali sono i comportamenti più pericolosi e perché i corsi di guida sicura sono davvero utili, diamo un’occhiata ai dati del 2023.

Incidenti stradali 2023: calo del 7%

I dati delle ultime ricerche sono comunque confortanti. Si è registrato un calo del 7%, soprattutto di quelli mortali.
Diminuito anche il numero delle vittime, con una riduzione del 17,1% rispetto all’anno precedente, così come gli incidenti con feriti, 15760 contro 16402 dello stesso periodo del 2022.

Tra le violazioni più accertate dalla polizia stradale menzioniamo l’eccesso di velocità, per cui le multe sono state 739.704.
Inoltre, sono state ritirate 34.315 patenti di guida e 43.187 carte di circolazione.

Decurtati 2.992.834 punti patente (l’anno precedente le patenti ritirate erano state 30.307; 39.667 le carte di circolazione ritirate e 2.089.469 i punti patente decurtati).

Sul sito del Ministero per approfondire.

In generale la situazione sulla strada è in miglioramento, ma i numeri sono ancora elevati e questo ci fa capire come molto debba essere fatto.
Gruppo Chioccia, punto di riferimento nell’ambito delle sicurezza stradale a Roma nord, si impegna a promuovere la cultura della sicurezza stradale attraverso un’offerta formativa completa e altamente professionale. Con tre sedi strategicamente posizionate, Gruppo Chioccia offre corsi per ogni tipo di patente, dalla B alla nautica, fino alle patenti professionali.

L’importanza della Guida Sicura

Frequentare un corso di guida sicura significa acquisire conoscenze approfondite sul comportamento da tenere in situazioni critiche e imparare tecniche avanzate di guida difensiva. Questo non solo aumenta la sicurezza personale sulle strade, ma contribuisce anche a ridurre il numero complessivo di incidenti.

Un corso di guida sicura, pochi giorni fa ne abbiamo organizzato uno in collaborazione con Aci Ready2Go, pone l’accento sulla consapevolezza stradale.
Gli studenti imparano a riconoscere i pericoli potenziali e a reagire prontamente in situazioni di emergenza.
In quelle situazioni dove la reazione d’istinto è la più sbagliata!

Attraverso esercitazioni pratiche e simulazioni di situazioni reali, gli studenti acquisiscono competenze avanzate di guida che migliorano notevolmente la loro capacità di gestire veicoli in modo sicuro ed efficiente, riducendo di gran lunga la possibilità di essere coinvolti in incidenti stradali.
Che poi, potrebbe sembrare banale, ma meno incidenti significa anche risparmio economico  a lungo termine, se si guida bene, evitiamo i costi legati agli incidenti, come quelli legati alla riparazione dei veicoli, legali e per l’aumento delle assicurazioni.

Cosa hanno imparato i nostri ragazzi (e meno ragazzi!) durante i corsi di guida sicura?

Il corso di guida sicura organizzato da Gruppo Chioccia è stato un’opportunità unica per automobilisti in erba.
Attraverso una combinazione di teoria e pratica, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di conoscere e migliorare le proprie capacità di guida in situazioni critiche.

Durante il corso, i neopatentati e coloro che sono in procinto di prendere la patente hanno imparato il comportamento corretto da tenere al volante, acquisendo consapevolezza dei pericoli e delle difficoltà che possono presentarsi nella guida di tutti i giorni.
Le esercitazioni pratiche come il controllo della sbandata, la frenata d’emergenza con evitamento dell’ostacolo e la guida in pista, hanno coinvolti i partecipanti, divertendoli, ma allo stesso tempo facendoli riflettere!

Investire nella propria sicurezza stradale è una decisione saggia e responsabile.
Grazie all’impegno e alla professionalità di Gruppo Chioccia, puoi accedere a corsi di guida di alta qualità per avere tutte le competenze e le conoscenze necessarie per affrontare le sfide della strada in modo sicuro ed efficace.
Non trascurare l’opportunità di proteggere te stesso e gli altri utenti della strada.
Contattaci per avere maggiori info sui corsi in partenza.

Patente nautica: tipi e come ottenerla

“Il mare non ha paese nemmeno lui ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare di qua e di là dove nasce e muore il sole.”

G. Verga dai I Malavoglia

Conquista la tua patente nautica con Gruppo Chioccia e inizia la tua avventura prima che cominci l’estate!

Quest’anno hai deciso di dare libero sfogo alla tua passione per il mare e vuoi ottenere la patente nautica entro le 12 miglia, bene, da Gruppo Chioccia è in partenza un corso di patente nautica che ti permetterà di acquisire tutte le conoscenze utili a supere i quiz patente nautica.

Perché il mare, come la strada, ha le sue regole e la navigazione marittima richiede abilità specifiche, entusiasmo e, fondamentale, una patente nautica che certifichi le tue competenze di guida sicura in mare.

Continua a leggere per saperne di più.

Come conseguire la patente nautica

Per ottenere la patente nautica è necessario impegno e dedizione.

Il passo iniziale consiste nella scelta di un corso di formazione serio e completo, come quello proposto da Gruppo Chioccia, che fornisca tutte le nozioni teoriche e pratiche indispensabili. Il programma di studio abbraccia argomenti come la navigazione, la sicurezza marittima, la meteorologia e le normative del settore marittimo. Al termine del corso, dovrai superare un esame che prevede una prova teorica, basata su quiz specifici per la patente nautica, e una prova pratica, durante la quale dimostrerai le tue capacità di navigazione. Le lezioni pratiche si svolgeranno presso il porto di Fiumicino a bordo dei nuovissimi gommoni Ranieri modello 4XC HR70 equipaggiati con i potenti motori Honda Marine.

Inoltre, solo da noi: kit allievo in omaggio e super sconto sull’iscrizione!

Vuoi saperne di più? Chiamaci!

Diverse tipologie di patente nautica

Le patenti nautiche si distinguono principalmente in due tipologie: patente nautica entro le 12 miglia dalla costa per imbarcazioni a vela e motore o esclusivamente a motore e patente nautica oltre le 12 miglia.
La patente entro 12 miglia consente di condurre natanti da diporto di qualsiasi dimensione, ma limitatamente alla distanza specificata dalla costa, ideale per chi vuole godere delle meraviglie costiere in serenità. Al contrario, la patente per navigazioni oltre le 12 miglia offre la possibilità di intraprendere viaggi più estesi e avventurosi, consentendo di raggiungere mete distanti senza restrizioni di percorso e di guidare imbarcazioni più grandi, incluse le traversate oceaniche.

Riassumendo le differenze tra i due tipi sono:

Patente nautica entro le 12 miglia:

  • Consente di condurre unità da diporto a vela e a motore entro 12 miglia dalla costa.
  • Permette di navigare in acque marittime e interne.
  • La prova di carteggio consiste in 5 quesiti a risposta singola della durata di 20 minuti con un errore ammesso
  • L’esame teorico è più semplice rispetto a quello per la patente oltre le 12 miglia.

Patente nautica oltre le 12 miglia:

  • Consente di condurre unità da diporto a vela e a motore senza limiti dalla costa.
  • Permette di navigare in acque marittime e interne.
  • Richiede la conoscenza del carteggio nautico e delle carte nautiche
  • L’esame teorico è più complesso rispetto a quello per la patente entro le 12 miglia.

Come ottenerla con rapidità

Se il tuo obiettivo è acquisire la patente rapidamente, l’elemento chiave è l’organizzazione e la scelta di un corso intensivo che massimizzi l’efficienza dell’apprendimento. Gruppo Chioccia propone programmi didattici ideati per chi desidera velocizzare il processo mantenendo alta la qualità della formazione. Dedicarsi allo studio dei quiz e partecipare attivamente alle lezioni pratiche migliorerà notevolmente le tue probabilità di successo.

Optare per un ente formativo rinomato e con esperienza, come Gruppo Chioccia a Roma Nord, assicura l’accesso a materiali didattici eccellenti e a formatori qualificati.

Ricorda che la patente nautica ha una validità di 10 anni fino ai 60 anni di età e di 5 anni dopo tale soglia, e che guidare senza una patente valida è proibito.

Cosa aspetti? L’estate si avvicina, è il momento di agire.
Prenota il tuo posto in aula con Gruppo Chioccia, perché i posti sono quasi esauriti.

Se vuoi provare l’ebbrezza di pilotare un’imbarcazione e scoprire il mare in piena libertà, contattaci subito.

Bollo auto Lazio 2023: che cos’è, esenzioni e pagamento nel Lazio

Il bollo auto è una tassa di intestazione veicoli e non di circolazione, in pratica è un tributo che tutti i possessori di veicoli iscritti al PRA sono tenuti a versare e questo accade anche nella regione Lazio. Pertanto, è obbligatorio pagarla indipendentemente dall’utilizzo effettivo del veicolo da parte del proprietario.


Esistono, poi, agevolazioni ed esenzioni per determinate categorie di veicoli o utilizzatori, che rendono fondamentale conoscere le modalità di calcolo, pagamento e verifica.

Presso le sedi del Gruppo Chioccia è possibile pagare il bollo, eseguire controlli sull’importo e pagare il giusto, cosa non da poco!

Come viene calcolato il bollo auto?

L’importo del bollo auto viene determinato in base a diversi fattori, che possono variare a seconda della regione e delle specifiche normative locali.
Tuttavia, generalmente, il calcolo si basa su elementi come:

Tipo di veicolo: la tipologia del veicolo, ad esempio auto, moto, camion, ecc., influisce sull’ammontare della tassa.

Potenza del motore: spesso, la potenza del motore del veicolo rappresenta un parametro fondamentale nel calcolo del bollo. Solitamente, maggiore è la potenza, più alta sarà la tassa da pagare.

Classe ambientale: la categoria Euro dell’omologazione del veicolo in relazione alle emissioni può influenzare l’importo del bollo. Veicoli con classi di emissioni più recenti potrebbero godere di tariffe più basse.

Anno di immatricolazione: alcune regioni potrebbero applicare agevolazioni o sconti per veicoli più vecchi o, al contrario, tariffe più alte per quelli di recente immatricolazione.

Caratteristiche aggiuntive: in alcune situazioni, come nel caso di veicoli adibiti a utilizzi particolari o veicoli ibridi/elettrici, potrebbero essere applicate riduzioni o esenzioni.

Per eseguire il calcolo preciso dell’importo del bollo auto, è possibile utilizzare strumenti online forniti dall’ente preposto o dall’Automobile Club della propria regione. Questi strumenti richiedono dati specifici sul veicolo, come la potenza, la classe ambientale, e possono differire leggermente a seconda delle normative regionali.

In generale, per capire come si calcola il bollo auto bisogna partire dai kW della vettura, indicati sul Libretto di circolazione.

Bollo auto ogni quanto si paga?

La periodicità di pagamento del bollo avviene annualmente, entro l’ultimo giorno del mese successivo alla data di scadenza prefissata. Le scadenze dipendono dalla tipologia del veicolo, dalla data di immatricolazione e dai passaggi di proprietà eventualmente effettuati.

Nel caso di un nuovo veicolo, il primo pagamento del bollo deve avvenire entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione. Se l’immatricolazione avviene nei dieci giorni finali del mese, il pagamento può essere effettuato anche entro il mese successivo a quello di immatricolazione.

Se si acquista un veicolo usato, il pagamento del bollo spetta al nuovo proprietario solo se il passaggio di proprietà avviene entro la scadenza del bollo già in corso.

E se paghi in ritardo e non lo paghi proprio?

Dopo la scadenza del termine previsto, se il bollo non viene pagato, si applicheranno sanzioni e interessi come previsto dalla legge. Il ravvedimento operoso permette di pagare entro un anno con un aumento che varia dall’0,1% al 3,75%, a seconda del ritardo.

Superato l’anno, non è possibile usufruire del ravvedimento operoso. La multa sarà del 30% più un interesse dello 0,5% ogni sei mesi di ritardo. Il mancato pagamento porta a una richiesta di pagamento e al possibile fermo amministrativo del veicolo.

Se il bollo non viene pagato per tre anni consecutivi, il veicolo viene cancellato dagli archivi del PRA. Le autorità potrebbero ritirare le targhe e la carta di circolazione. Anche dopo la cancellazione, è necessario regolarizzare i pagamenti omessi.

Scopri gli altri servizi pratiche auto e moto.

Esenzione bollo Lazio 2023

Per quanto riguarda il Lazio, sono previste alcune esenzioni al pagamento della tassa automobilistica. Per esempio, sono esentati i veicoli di portatori di handicap, con limitazioni di cilindrata, veicoli con oltre 30 anni non circolanti, per quelli circolanti la tassa è calcolata su base forfettaria.

Inoltre, beneficiano di un trattamento particolare i veicoli elettrici, che godono dell’esenzione dal pagamento del bollo auto per 5 anni, a decorrere dalla data di prima immatricolazione.
Per conoscere se il tuo veicolo elettrico, ibrido, benzina o diesel gode di particolari agevolazioni, passa a trovarci.

Come proteggere la tua attività: assicurazioni per piccole e medie imprese

Se sei un imprenditore, conosci l’importanza cruciale di proteggere la tua attività dagli imprevisti che possono sorgere, che siano di piccola o grande entità. In questo contesto, le assicurazioni per le imprese svolgono un ruolo fondamentale nel garantire la sicurezza e la continuità delle operazioni quotidiane.

Gruppo Chioccia, consapevole delle esigenze specifiche delle piccole e medie imprese, si impegna a offrire soluzioni personalizzate per la tutela dei loro interessi.

Vantaggi delle assicurazioni per le piccole e medie imprese

Le assicurazioni per le imprese offerte da Gruppo Chioccia presentano una serie di vantaggi significativi.

Oltre alla flessibilità nell’adattarsi alle esigenze di ciascun settore commerciale, le polizze personalizzabili permettono di includere una vasta gamma di garanzie.

Le polizze offerte non si limitano alle classiche coperture contro incendi ai fabbricati e al contenuto, ma si estendono anche a protezioni specifiche come il furto della merce, danni alle lastre o vetrine, danni a terzi (ad esempio, a un cliente), danni ai macchinari, danni alle apparecchiature elettroniche e tutele legali per controversie sul lavoro.

Cosa copre un’assicurazione dedicata alle aziende

Le assicurazioni dedicate alle aziende offrono una protezione completa che va oltre la mera tutela materiale.

Queste polizze sono progettate per mitigare i rischi associati alla gestione di un’impresa.
Ad esempio, il furto della merce può essere un’evenienza che incide direttamente sulle finanze aziendali; pertanto, avere una copertura assicurativa per tale eventualità diventa cruciale per la continuità delle attività.

Allo stesso modo, danni a terzi, che potrebbero verificarsi in varie forme durante le normali operazioni commerciali, richiedono una protezione adeguata. La possibilità di includere nel pacchetto assicurativo la tutela legale per controversie sul lavoro rappresenta un’aggiunta preziosa, poiché può aiutare a gestire situazioni complesse che coinvolgono dipendenti o terze parti.

Personalizzazione delle polizze per le tue esigenze

Gruppo Chioccia si impegna a offrire soluzioni flessibili e personalizzate che si adattino alle esigenze specifiche di ogni impresa. La possibilità di personalizzare la polizza assicurativa consente di ottenere una copertura su misura, garantendo una protezione adeguata ai rischi particolari che un’azienda può affrontare nel proprio settore.

Se desideri proteggere la tua attività con una polizza assicurativa su misura, non esitare a contattarci.

Con tre sedi convenienti a Roma Nord, il nostro team esperto è pronto a offrirti una consulenza dettagliata e personalizzata per garantire la sicurezza e la tranquillità della tua impresa. Visita una delle nostre sedi o contattaci oggi stesso per saperne di più.

La protezione del tuo business è cruciale e Gruppo Chioccia è qui per aiutarti a gestire i rischi in modo efficace e mirato.

Le nostre polizze sono dirette a PMI, professionisti, commercianti, hotel e condomini.

Patente A: differenze tra A1, A2 e A senza limitazioni

Se sei un appassionato di moto fin da bambino e hai contato i giorni che ti separavano dall’età giusta, questo è proprio l’articolo che fa per te, perché nelle prossime righe parliamo di patente A e di quali moto puoi guidare.

Vuoi ottenere la patente A? Gruppo Chioccia, da anni, si dedica a formare motociclisti esperti e attenti, perché il vero rider non rinuncia a viaggiare in sicurezza.

Patente A1

Iniziamo dalla Patente A1, la licenza perfetta per chi approccia per la prima volta a una motocicletta e vuole guidare i cosiddetti motocicli leggeri.

La A1 è ottenibile dai 16 anni, consente di guidare veicoli fino a 125cc e con una potenza massima di 11 kW (15 CV).

Anche se, per essere precisi, la patente a1 consente la guida anche di altri veicoli, come quelli conducibili con la categoria AM o tricicli con una potenza massima di 15 kW e macchine agricole che non superino limiti di sagoma e di massa dei motoveicoli.

Chi possiede la Patente B ha anche il permesso di guidare veicoli conducibili con la AM e la B1 e, solo in Italia, anche quelli della categoria A1.
Tuttavia, la Patente A1 non consente la guida di automobili.

Patente A2

Passando alla Patente A2, accessibile dai 18 anni, questa consente la guida di motocicli di potenza non superiore a 35 kW con un rapporto potenza/peso non superiore a 0,2 kW/kg e che non siano derivati da una versione che sviluppa oltre il doppio della potenza massima.

Infine, abbiamo la patente moto per eccellenza, la A3 o A senza limitazioni.

Patente A

La Patente A3 è la licenza senza limitazioni che permette la guida di motocicli di qualsiasi potenza e cilindrata. Accessibile a chi ha compiuto 24 anni o 20 con almeno 2 anni di esperienza con la Patente A2, questa licenza consente la guida di veicoli AM, A1 e A2.

Avrai sicuramente sentito parlare dell’introduzione della patente A senza esame, vediamo come funziona.

Patente A senza esame: come funziona?

Dal 18 settembre 2023, è possibile passare da una patente A inferiore a una superiore, senza dover sostenere l’esame di guida.

Infatti, è sufficiente completare un corso pratico di 7 ore presso una scuola guida, come la nostra, per ottenere la tanto desiderata patente per moto.

Da un lato, l’esame pratico tradizionale continuerà a esistere, mentre dall’altro sarà possibile optare per un corso di guida della durata di 7 ore, certificato dalla scuola guida.

Infatti, il Ministero chiarisce che è possibile ottenere le patenti A2 o A senza limitazione con l’esame o per accesso graduale, cioè senza esame, ma con un corso in autoscuola.

Per quanto riguarda questa seconda modalità, per iscriversi al corso di formazione sono richiesti alcuni requisiti così descritti:

Per la A2, anche speciale: età minima 18 anni, possesso della patente A1, anche speciale, da almeno due anni. La A1 non è quella riconosciuta in automatico con la patente B.

Per la A, anche speciale, l’età minima richiesta è 20 anni, e, inoltre, è richiesto il possesso della patente A2, anche speciale, da almeno due anni.

Sei interessato a ottenere la patente per la moto?

Patente Am: cosa posso guidare?

Hai appena compiuto o stai per compiere 14 anni e finalmente i tuoi ti hanno promesso il motorino, se sei approdato su questa pagina magari stai cercando l’autoscuola più vicina a te per ottenere la patente AM.

Infatti, la patente AM va a sostituire il vecchio patentino ciclomotore CIGC ed è l’abilitazione perfetta per chi alla tua età vuole cimentarsi con la guida di un motorino e non solo.

Patente AM cosa posso guidare?

Partiamo dai veicoli conducibili con la AM.

Con questa patente guidi:
• Motocicli a due ruote (categoria L1e) con velocità di fabbrica non oltre i 45 km/h, che hanno una cilindrata uguale o inferiore a 50 cm³ se a combustione interna, o una potenza massima continua di 4 kW per motori elettrici.

• Veicoli tricicli (categoria L2e) con velocità massima costruttiva di 45 km/h, con un motore di cilindrata uguale o inferiore a 50 cm³ se a scintilla, o una potenza netta massima di 4 kW per altri motori a combustione interna, o una potenza nominale continua massima di 4 kW per motori elettrici.

• Quadricicli leggeri con peso a vuoto fino a 350 kg, escluse le batterie per i veicoli elettrici (categoria L6e), con velocità di fabbrica fino a 45 km/h e cilindrata fino a 50 cm³ per motori a scintilla (o potenza fino a 4 o 6 kW per altri motori). Fine modulo

Insomma, con la AM sei abilitato alla guida di molti tipi di veicoli, comprese le minicar 50 cc.

L’età richiesta è 14 anni. Da notare il fatto che fino ai 16 anni non puoi trasportare passeggeri, a meno che tu non guidi un veicolo omologato anche per questo (il dato è reperibile sulla Carta di circolazione).

Scadenze patente AM

Per quanto riguarda le scadenze, essa segue quelle della patente A; quindi, scade ogni 10 anni fino ai 50 anni, ogni 5 tra i 50 e i 70 anni, ogni 3 per chi ha superato i 70 e ogni due dopo gli ottant’anni.

Chi ha la patente B ha anche la AM?

Sì, chi ottiene la B ha in automatico accesso ai veicoli conducibili con la AM e la B1.

Nelle sedi del Gruppo Chioccia puoi seguire il corso di formazione per superare sia la teoria che la pratica per il patentino.

Le lezioni sono svolte da insegnanti preparati e qualificati, che ti trasmetteranno tutto il valore della sicurezza stradale.

Esame Teoria AM

L’esame di teoria consiste nel rispondere correttamente a 30 affermazioni vere o false, con un massimo di 3 errori; hai 25 minuti di tempo.

La prova pratica, alla quale potrai esercitarti in autonomia avendo ricevuto il Foglio rosa, è effettuata su ciclomotori a 2 ruote o a 3 ruote oppure su quadricicli leggeri, omologati per il trasporto di un passeggero oltre al conducente, con cambio manuale oppure automatico.

Il tipo di veicolo deve essere scelto dal candidato al momento della prenotazione della prova di guida.

L’esame è diviso in due fasi, nella prima in area delimitata viene valutato il tuo comportamento alla guida, la seconda consiste nella verifica dei comportamenti nel traffico.

Quante volte puoi ripetere le prove?

Per superare le due prove hai:

– 6 mesi per il superamento dell’esame di teoria, che decorrono dalla data di presentazione della domanda. Sono consentite al massimo 2 prove di teoria.

– il Foglio rosa vale 12 mesi e hai a disposizione tre tentativi d’esame. Per sostenere il primo esame di guida è necessario aspettare che passi almeno 1 mese dalla data di superamento della prova di teoria e per sostenere la seconda prova pratica, dopo la bocciatura, anche.

 La patente AM è valida anche all’estero?

La Direttiva comunitaria fissa l’età minima per il conseguimento della AM a 16 anni, però gli Stati membri, come l’Italia, possono abbassare questo limite ai 14.
Di conseguenza la AM è valida anche all’estero, ma secondo i limiti di età fissati dal paese ospitante.

Sei interessato alla patente AM? Cerchi un’autoscuola dove imparare, divertendoti?

Assicurazioni sulla persona: il nostro obiettivo è garantire sicurezza e tranquillità

Nella vita di tutti i giorni, incertezze e imprevisti possono presentarsi inaspettatamente, mettendo a rischio il nostro benessere e la stabilità della nostra famiglia. È in questi momenti che diventa fondamentale avere una solida rete di protezione, e trovare il partner giusto per le proprie assicurazioni può fare la differenza tra una copertura adeguata e l’incapacità di far fronte a situazioni critiche.

Gruppo Chioccia si impegna a garantire questa sicurezza, collaborando con i migliori broker per offrire polizze assicurative su misura, che si adattino alle esigenze specifiche di ogni individuo e famiglia.

Gruppo Chioccia si distingue per la sua capacità di individuare le migliori soluzioni assicurative, con un approccio personalizzato nei confronti dei clienti. Questa attenzione alle esigenze individuali consente di offrire polizze altamente convenienti, fornendo una sicurezza che va oltre il semplice contratto assicurativo.

Assicurazioni sulla persona e sulla famiglia

Le polizze assicurative a tutela della persona e della famiglia comprendono un vasto spettro di coperture pensate per garantire sicurezza e tranquillità nei momenti di difficoltà.

Tra le più comuni troviamo:

1. Assicurazioni sulla vita: queste polizze, dopo il pagamento di un premio il cui importo è deciso in accordo con il cliente, forniscono una somma assicurata in caso di decesso dell’assicurato, garantendo una protezione finanziaria alla famiglia in un momento di grande fragilità emotiva.

2. Polizze infortuni: offrono copertura finanziaria nel caso in cui l’assicurato subisca danni fisici a seguito di un infortunio, garantendo supporto economico per le cure mediche e l’eventuale periodo di disabilità.

3. Assicurazioni sanitarie: coperture mediche che includono spese per visite specialistiche, ricoveri ospedalieri, interventi chirurgici e altre prestazioni sanitarie, insomma, un’assistenza completa senza preoccupazioni finanziarie.

4. Polizze per invalidità: offrono supporto finanziario nel caso in cui l’assicurato diventi permanentemente incapace di lavorare a causa di un’invalidità, assicurando un reddito per sé e per la propria famiglia.

5. Fondo pensionistico: un fondo pensionistico è un veicolo di risparmio a lungo termine progettato per aiutare le persone a mettere da parte fondi aggiuntivi per la pensione, integrando l’assegno pensionistico obbligatorio derivante dai contributi previdenziali. Questi fondi offrono agli individui la possibilità di investire i propri risparmi in modo mirato e pianificato, al fine di garantire un reddito supplementare una volta che si raggiunge l’età pensionabile.

Non è questa la sede per descrivere nel dettaglio tutte le opportunità legate alle assicurazioni per la persona. Contattaci per scoprire vantaggi, condizioni, garanzie e massimali.

Proteggi te stesso e la tua famiglia

Ogni individuo e famiglia ha esigenze diverse quando si tratta di assicurazioni sulla persona.
Gruppo Chioccia si impegna a comprendere queste esigenze specifiche e a offrire soluzioni assicurative su misura, garantendo la massima protezione al miglior prezzo possibile.
Non lasciare al caso la tua sicurezza e il futuro della tua famiglia.
Contatta Gruppo Chioccia oggi stesso per trovare la polizza assicurativa perfetta per te e inizia a proteggere ciò che conta di più nella tua vita.

Guida al patentino per l’uso dei macchinari da lavoro: requisiti, corsi e agevolazioni

Ottenere il patentino per l’uso dei macchinari da lavoro è cruciale per garantire la sicurezza e la conformità legale sul posto di lavoro.
Ma quali attrezzature richiedono questa certificazione?

L’Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 specifica chiaramente le attrezzature necessarie per l’abilitazione specifica dell’operatore.

Gruppo Chioccia, con tre sedi nel territorio di Roma Nord, offre corsi certificati per acquisire il patentino.
Questi corsi riguardano l’utilizzo di varie attrezzature come piattaforme di lavoro mobili elevabili, gru a torre, gru mobili, gru per autocarro, carrelli elevatori, trattori agricoli, macchine movimento terra e pompe per calcestruzzo.

Ci occupiamo di formazione da molti anni con la stessa professionalità di sempre, cercando di rispettare i diktat della normativa vigente.

L’Accordo Stato-Regioni e il Testo unico sulla sicurezza disciplinano l’uso sicuro di attrezzature specifiche.

Vediamo di seguito quali sono le attrezzature per le quali è richiesto il cosiddetto patentino.

Corso carrello elevatore


ll carrello elevatore è un dispositivo industriale utilizzato per sollevare e spostare carichi pesanti in ambienti lavorativi come magazzini, fabbriche o siti di produzione. Questi veicoli sono progettati per sollevare pallet, casse o altre merci, migliorando l’efficienza logistica e facilitando il trasporto all’interno di uno spazio limitato.

Il corso di formazione per l’uso del carrello elevatore offre competenze specifiche per operare in sicurezza con questa attrezzatura. Attraverso lezioni pratiche e teoriche (12 ore), i partecipanti imparano le corrette procedure di utilizzo, manutenzione e sicurezza. Il corso copre vari aspetti, come la gestione dei carichi, le normative di sicurezza e le buone pratiche, garantendo ai partecipanti le conoscenze necessarie per ottenere e mantenere il Patentino per il Carrello Elevatore.

Corso PLE (piattaforma elevabile)

Le Piattaforme di Lavoro Elevabili (PLE) sono progettate per consentire il lavoro a diverse altezze. Queste attrezzature consentono l’accesso sicuro e controllato a zone altrimenti difficili da raggiungere, garantendo la movimentazione di personale e attrezzature durante lavori in ambienti come cantieri edili o manutenzioni industriali. Il corso di formazione per le PLE fornisce le competenze necessarie per operare in modo sicuro e conforme alle normative vigenti; dura 8 o 10 ore a seconda del tipo di piattaforma.

Corso macchinari agricoli

Il corso per l’uso dei macchinari agricoli ha un programma formativo mirato a fornire competenze pratiche e teoriche specifiche per operare in sicurezza con attrezzature agricole come trattori, mietitrebbie, macchine semoventi, e altri dispositivi impiegati nell’ambito agricolo.

La durata di questo corso è di 8 ore e ha scadenza quinquennale, va rinnovato con un ulteriore corso di sole 4 ore.

Corso gru e gru mobile

Il corso dedicato alle Gru e alle Gru mobili è progettato per fornire competenze specifiche per la corretta gestione e movimentazione dei materiali. Con una durata di 14 ore, questa formazione assicura una solida comprensione delle procedure operative e della sicurezza nell’uso di queste attrezzature.
Il patentino acquisito ha una validità di 5 anni. Successivamente alla scadenza, gli operatori devono seguire corsi di aggiornamento: 6 ore per coloro che hanno completato il corso base di gru a torre e 4 ore per chi ha seguito il corso di gru su autocarro.

Gruppo Chioccia organizza corsi anche per le macchine movimento terra e per l’uso del calcestruzzo, ti invitiamo a contattarci se vuoi saperne di più.

In conclusione, la formazione sul lavoro riveste un ruolo cruciale per i dipendenti e le aziende, rappresentando un investimento fondamentale per la sicurezza, l’efficienza e la competitività. Per i dipendenti, questa formazione offre competenze aggiornate e specifiche, promuovendo la sicurezza sul posto di lavoro e migliorando le opportunità professionali. Per le aziende, investire nella formazione dei dipendenti si traduce in un ambiente più sicuro, una maggiore produttività e un miglioramento complessivo delle prestazioni, contribuendo così alla crescita sostenibile e al successo aziendale nel lungo termine.

Cqc corso: come eccellere nel settore trasporto

Scopri di più sul cqc corso: come funziona e come si rinnova?

Il mondo del trasporto merci e persone richiede molto più delle patenti di guida C o D; come anticipato in un precedente articolo, richiede la Carta di Qualificazione del Conducente (CQC).

Gruppo Chioccia e la sua esperienza ultradecennale è al fianco dei conducenti per promuovere una formazione di qualità ed eccellenza.

Nel mondo moderno, il tempo è un bene prezioso, specialmente in ambito lavorativo. È proprio per questo che i corsi CQC Gruppo Chioccia sono progettati per agevolare la conciliazione tra lavoro e formazione.

Sia che tu sia un autista navigato che necessita del rinnovo della CQC, sia un neofita desideroso di entrare nel settore, la nostra missione è assisterti in questo percorso.

Ma cosa rappresenta la CQC e perché è un requisito essenziale?

CQC: un imperativo professionale

La Carta di Qualificazione del Conducente (CQC) è imprescindibile per coloro che intendono operare nel trasporto merci o passeggeri. Questa certificazione attesta le competenze dell’autista in ambiti cruciali come sicurezza stradale, manutenzione veicolare e conformità normativa.

Ottenere la CQC dimostra l’impegno a mantenere standard elevati di professionalità e sicurezza durante l’espletamento delle proprie responsabilità. Investire in formazione professionale non solo accresce le tue opportunità lavorative, ma è anche fondamentale in un settore in costante evoluzione.

Vediamo ora quali sono i requisiti richiesti.

Requisiti per la CQC

Affinché tu possa ottenere la CQC e partecipare ai nostri corsi professionali, è necessario soddisfare alcuni requisiti fondamentali:

  • Età minima di 18 anni (l’età esatta può variare in base al tipo di corso e alle tue qualifiche pregresse).
  • Per il trasporto di merci, è richiesta la patente di categoria C; per il trasporto di persone, è richiesta la patente di categoria D.
  • Una buona condizione fisica e mentale è essenziale per svolgere l’attività di conducente professionale.
  • La frequenza obbligatoria di un corso di formazione specifico in autoscuola.

Il Corso CQC: preparazione e impegno

Il corso CQC può essere standard (280 ore di teoria e pratica) oppure accelerato (140 ore di teoria e pratica), entrambi focalizzati su temi come sicurezza stradale, norme di guida, gestione del carico e dei passeggeri e altre competenze specifiche.

Alla fine del corso, è necessario superare un esame a quiz con 70 domande (40 sulla parte comune e 30 sulla parte specifica), con un limite di 7 errori ammissibili. È importante sottolineare che la CQC non può essere ottenuta privatamente; è richiesta la frequenza di un corso presso una scuola guida autorizzata.

Scadenza e rinnovo della CQC

La CQC ha una validità di 5 anni dalla data di rilascio e richiede un rinnovo attraverso un corso di formazione di 35 ore.

Il rinnovo della CQC può essere richiesto già 12 mesi prima della data di scadenza. Durante il corso di rinnovo, non è previsto un esame finale, ma è obbligatoria la frequenza e sono consentite massimo di 5 ore di assenza.

Mentre la CQC per il trasporto di persone ha un limite massimo di rinnovo legato all’età (68 anni), quella per il trasporto merci può essere rinnovata fino a oltre gli 80 anni, purché siano soddisfatti tutti i requisiti.

Se la tua patente CQC è in procinto di scadere, prenota subito il tuo posto per il corso di rinnovo CQC a Roma nord.

La CQC non è solo un documento; è un simbolo di eccellenza e impegno nel mondo dei trasporti. Con Gruppo Chioccia rendi il tuo percorso verso la CQC più agevole, sicuro e professionale.

Ecco le nostre sedi:

Sede d’Orazi

Sede Torrevecchia

Sede Montemario

Cqc: cos’è ed esenzioni

La Cqc o Carta di qualificazione del conducente è obbligatoria, oggi, quasi per tutti.

Stai cercando un’occupazione e non ti dispiacerebbe lavorare nel settore trasporto merci o persone?

Quest’articolo è quello che fa per te! Ti stiamo per spiegare perché la Cqc è obbligatoria, da quanto tempo e cosa devi fare per ottenerla con Gruppo Chioccia.

In Italia, dati del 2022, mancherebbero circa 20mila autisti, il settore è in crisi perché alla ricerca di personale altamente qualificato.

A determinare questa crisi la mancanza di autisti giovani, poco attratti dal lavoro dell’autotrasportatore sia per il tipo di vita sia per la retribuzione sia per i costi della formazione. Non è un caso che negli ultimi anni il Governo sia intervenuto più volte, vedi i vari bonus, per incentivare l’ottenimento delle patenti superiori C o D e della Cqc.

Eh sì, perché per diventare autotrasportatore occorre avere la relativa patente e la Carta di Qualificazione del Conducente o Cqc.

Cqc merci e/o persone

La Cqc non è una patente speciale, ma una certificazione obbligatoria per coloro che conducono veicoli di massa superiore a pieno carico a 3,5 t. destinati al trasporto di cose o persone.

La qualifica può essere conseguita per una sola categoria o per entrambe.
Vediamo come vengono distinte.

Cqc merci: è un’integrazione delle patenti superiori C, C1, C+E, C1+E e deve essere ottenuta da chi effettua il trasporto in conto terzi con veicoli di massa a pieno carico superiore alle 3,5 t., anche con rimorchi o semirimorchi (vuoi sapere di più?);

Cqc persone: è un’integrazione delle patenti D, D1, D + E, D1+E e va conseguita da chi si occupa di trasportare persone con autobus, con più di 9 posti a sedere in servizio pubblico di linea o noleggio con conducente (trovi qui tutte le info).

A oggi, la Cqc è obbligatoria non solo per chi svolge l’attività di autotrasportatore, ma per quasi tutti i conducenti con patente C, C1, C1E, CE, D, D1E, DE.
In pratica è stato eliminato o limitato l’unico requisito della guida professionale.

In poche parole, dopo il 2020, la Cqc è obbligatoria anche per chi non è assunto come autista, ma lavora guidando veicoli per un tempo superiore al 30% del suo orario mensile.

L’obbligo della Cqc è stato introdotto per migliorare lo status di autista e la sicurezza sulla strada.

Cqc esenzioni

In base alla normativa del giugno 2020 (che ha recepito una direttiva europea) sono previste delle eccezioni all’obbligo Cqc.

Esenzione alla CQC per chi conduce veicoli:

  1. Veicoli con velocità massima autorizzata ≤ 45 km/h.
    1. Utilizzo per forze armate, protezione civile, vigili del fuoco, forze di polizia e servizi di trasporto sanitario di emergenza.
    1. Prove su strada per perfezionamento tecnico, riparazione, conducenti di veicoli nuovi o non ancora in circolazione.
    1. Utilizzo in emergenze o missioni di salvataggio (trasporto di aiuti umanitari non commerciali incluso).
    1. Lezioni, esami di guida per candidati alla patente o abilitazione professionale, formazione alla guida supplementare sul lavoro, accompagnate da un istruttore di guida o persona titolare della CQC.
    1. Trasporto di merci non commerciali.
    1. Trasporto di materiale, attrezzature o macchinari per l’attività personale, a condizione che la guida non sia l’attività principale del conducente.
    1. Operatività in zone rurali per approvvigionare l’impresa del conducente.
    1. Veicoli che non forniscono servizi di trasporto.
    1. Utilizzo o noleggio senza conducente da imprese agricole, orticole, forestali, di allevamento o di pesca, per trasportare merci nell’attività dell’impresa (con limitazioni).
    1. Trasporto occasionale e non influente sulla sicurezza stradale.

Laddove, “occasionale” significa svolto da conducenti non professionali, qualora l’attività di trasporto non sia la fonte primaria di reddito, e “non incidente sulla sicurezza stradale” significa che il trasporto è svolto in conformità alle normative sulla circolazione stradale pertinenti.

Inoltre, nel 2021 il Ministero chiarisce alcuni punti salienti: i trasporti a fini non commerciali sono quei trasporti senza remunerazione e senza scopo di lucro; e per quanto riguarda i trasporti in conto proprio, la Cqc non è obbligatoria se:

  • la guida non è l’attività principale (meno del 30% dell’orario di lavoro mensile);
  • il materiale deve essere utilizzato dal conducente nell’esercizio della propria attività

In conclusione, parlare di Cqc non è mai semplice, ma sei interessato a ottenere una patente superiore o la Cqc, puoi rivolgerti a Gruppo Chioccia.

Rinnovo patente: ogni quanti anni, procedure e tempi

Vediamo come funziona il rinnovo patente in zona Roma nord.

Mantenere la propria patente di guida aggiornata è essenziale per continuare a guidare senza intoppi.

Il rinnovo periodico della patente di guida è un passaggio fondamentale, a garanzia della nostra e altrui incolumità, perché conferma i requisiti psico-fisici alla guida, messi in discussione dal trascorrere degli anni.

Ma quali sono i passaggi necessari per il rinnovo nel corso del 2023, i documenti richiesti e i costi da affrontare?

Quando rinnovare la patente

Il rinnovo della patente di guida varia in base all’età del conducente e al tipo di patente posseduta, seguendo precise indicazioni stabilite dall’articolo 126 del Codice della Strada. Per esempio, la patente B (così come la A) scade:

Fino a 50 anni, ogni 10 anni

Dai 50 ai 70 anni, ogni 5 anni.

Dai 70 agli 80 anni, ogni 3 anni.

Oltre gli 80 anni, ogni 2 anni.

La data di scadenza della patente è chiaramente indicata sul documento stesso. Inoltre, in base alla regola del compleanno, la data di scadenza della patente coincide con il compleanno nell’anno di scadenza, a partire dall’anno in cui è stata ottenuta.

È possibile anticipare il rinnovo già 4 mesi prima della data di scadenza.

Come dicevamo la scadenza varia anche in base al tipo di patente; infatti, se prendiamo in considerazione le patenti superiori e in particolare la C, vedremo che scade ogni 5 anni fino ai 65 anni di età, e oltre questa data, ogni 2 anni, con l’accertamento dei requisiti fisici e psichici in CML.

Vuoi sapere di più sulla patente C? o sulla D?

Dove rinnovare la patente

La procedura di rinnovo implica il pagamento di alcuni bollettini e una visita medica per verificare l’idoneità psico-fisica alla guida. Tale procedura può essere eseguita presso diversi enti come ASL territoriali, medici militari o del lavoro, servizi sanitari delle Ferrovie dello Stato, agenzie di pratiche auto o scuole guida, come Gruppo Chioccia.

La differenza principale tra queste opzioni riguarda la velocità di elaborazione della pratica, sicuramente più immediata nelle ultime.

Documenti necessari per il rinnovo della patente

I documenti necessari per la visita medica presso la nostra autoscuola includono: il codice fiscale, un documento di identità valido e la patente scaduta o in scadenza, ma per informazioni più dettagliate su come fare per rinnovare la tua patente ti invitiamo a contattarci.

Procedure per il rinnovo della patente

Come detto, se la tempistica è ristretta, è possibile rivolgersi direttamente a un’autoscuola o un’agenzia di pratiche auto.

In generale, gli step per il rinnovo della patente sono i seguenti:

– cliccare su questa pagina del nostro sito web, dove è possibile velocizzare la pratica, inserendo già tutti i tuoi dati;

– venire in una delle nostre sedi e consegnare i documenti richiesti;

– fare la visita medica: se la visita ha esito positivo, il medico ti rilascia il documento di circolazione provvisorio, in attesa dell’arrivo da noi o a casa della nuova patente.

Non è possibile rinnovare la patente online!

Gruppo Chioccia e le sedi per il rinnovo patente

Nella zona di Roma nord, Gruppo Chioccia offre tre sedi per il rinnovo della patente: Montemario con medico in sede il lunedì e il giovedì, Torrevecchia il mercoledì e d’Orazi martedì e venerdì.
Avere diverse sedi ci consente di svolgere la pratica in modo efficiente, offrendo servizi adeguati alle diverse esigenze.

In conclusione, mantenere la propria patente di guida aggiornata richiede attenzione ai tempi, alla procedura e ai documenti richiesti. La scelta dell’ente e dei tempi da dedicare dipenderà dalle proprie esigenze di tempo e praticità, ma è fondamentale tenere presente l’importanza di questo adempimento per la sicurezza stradale e la propria mobilità.

Ricorda sempre di valutare attentamente le opzioni disponibili e di muoverti con anticipo per evitare spiacevoli intoppi nella tua pratica di rinnovo della patente.